Lapo Baglini

Life and Business Coach
Mental Trainer
Viale Milton 49
50129 Firenze
Email lapo@plscoaching.it
Mob +39 347 3629216
P.IVA 02290610480

Un week-end da ricordare - Lapo Baglini
621
post-template-default,single,single-post,postid-621,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
 

Un week-end da ricordare

Un week-end da ricordare

Un week end da ricordare. In questo fine settimana ho visto tre fra le città più belle del mondo. Almeno secondo me. D’altra parte questo blog è tutto secondo me 😉

Venerdì sono partito per Siena (1) per andare a fare una lezione all’Università. Niente di strano fin qui. E invece qualcosa di particolare, almeno per me c’era. Oltre al fatto di arrivare da Siena Nord e vedere la Torre del Mangia, il campanile laico del Palazzo Comunale in Piazza del Campo stagliarsi sul cielo di novembre. Deve il suo nome al soprannome di “Mangiaguadagni” dato al suo primo custode Giovanni di Balduccio, famoso per apprezzare molto i piaceri del cibo e sperperare quindi a tavola i propri guadagni.

Infatti il programma era di insegnare in un Master post specialistico all’Università di Medicina. Già perché in aula c’erano tutti Odontoiatri. E che ci azzecca? direbbe un ben conosciuto uomo politico. In realtà ci azzecca perché ho tenuto una lezione su “PNL e Comunicazione Medico Paziente”. La sensazione diversa dal solito era che le aule sono all’interno di un complesso dove c’è anche un ospedale e tanti nei corridoi erano vestiti di bianco e di verde, essendo medici. In realtà in aula è stato tutto come al solito e mi sono divertito un sacco.

Venerdì sera e sabato mattina Firenze (2), lo so che ci abito, ma mi piace tanto lo stesso.

Sabato partenza per Venezia (3) con passeggiata fra calli e campielli e giro in barca fino all’Isola di San Clemente, posta tra la Giudecca e il Lido. Cena degustazione dove fra baccalà sopraffini e canoce saporite ho fatto la conoscenza con le Moéche. Già Moéca è il nome che i veneziani hanno dato a un granchio verde (Carcinus moenas per gli eruditi). Granchi che, quando arrivano al culmine della fase di muta, perdono la corazza e ci sono solo poche ore prima che, a contatto con l’acqua salmastra o salata, se la ricostruiscano.

È in queste poche ore che la moéca diventa una preziosa leccornia: e si mangiano tutte, zampette comprese!!!

La domenica l’ho passata in aula in un NLP Practitioner in mezzo a degli amici. E domenica sera ancora a Firenze (2). Con la soddisfazione di avere la fortuna di vivere e lavorare in città così belle 😉

No Comments

Post A Comment