Lapo Baglini

Life and Business Coach
Mental Trainer
Viale Milton 49
50129 Firenze
Email lapo@plscoaching.it
Mob +39 347 3629216
P.IVA 02290610480

rugby Archivi - Lapo Baglini
151
archive,tag,tag-rugby,tag-151,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
 

rugby Tag

Rugby e Motivazione per squadreLa prima volta che Roberto mi ha chiesto "Ma tu lo sai come sono le bocce sportive?" mi sono sentito spaesato. Collegavo questo sport, che ho scoperto dopo ha una tradizione antichissima (in Turchia sono state ritrovate alcune sfere in pietra antenate delle attuali bocce, che risalgono circa al 7000 a.C.) ad anziani con cappelli di paglia che nei pigri pomeriggi festivi giocano su campi ombreggiati nella campagna toscana. Oppure alle bocce sulla spiaggia, sabbia e tiro di volo dato che quando atterrano, queste sfere pesanti e colorate, scavano buchette comode e da lì non si muovono. Mi ha soccorso un recente film di Aldo, Giovanni e Giacomo ("La banda dei Babbi Natale") dove si vedono dei bocciodromi moderni e tanta gente a fare il tifo.

[caption id="attachment_484" align="alignnone" width="400" caption="foto Marco Mori - Newpressphoto"]autostima-femminile-rugby[/caption] Ieri, al campo Padovani ho visto cose che noi uomini (rugbisti inclusi) non possiamo neanche immaginare. Era la prima volta che l'erba bagnata del campo veniva calpestata dalle scarpe da ginnastica di trentacinque donne per la prima giornata di training sull'Autostima femminile organizzata da PLS, insieme al Giunti Firenze Rugby 1931 e al Network di PLS Coaching. Avvocati (donne naturalmente), impegnate in percussioni sui sacconi, madri di famiglia che si gettavano all'ingaggio come piloni consumati, signore dai capelli argentati elevate come albatros sull'oceano, laureande che si tuffavano in meta allungando i loro centimetri lungo la linea laterale. E ancora direttrici del personale che hanno toccato i glutei (ma loro dicono le cosce) dei giocatori di rugby in campo come trainer, una leggiadra ragazza bruna lanciata in un placcaggio basso su una seconda linea che gioca nel campionato di A1 da cui ha rimediato una tacchettata al volto, un'altra bionda e dal volto angelico con un po' di sangue sulla bocca.