Lapo Baglini

Life and Business Coach
Mental Trainer
Viale Milton 49
50129 Firenze
Email lapo@plscoaching.it
Mob +39 347 3629216
P.IVA 02290610480

Gli spiegatori seriali. - Lapo Baglini
16644
post-template-default,single,single-post,postid-16644,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
 

Gli spiegatori seriali.

Gli spiegatori seriali.

Gli spiegatori seriali. E i ricercatori seriali di spiegazioni.

Sono circondato da persone che vogliono capire o che vogliono spiegarti. Cosa? Tutto.

E perché capita questo? Perché culturalmente siamo portati molto spesso, di fronte a un problema, a cercare la spiegazione piuttosto che la soluzione.

“Ti lascio perché mi sono innamorato di tua sorella?”
“Perché? Fammi capire. Parliamone”.

Il problema è che si fa confusione fra la necessità di accettare qualcosa (“Questo str…o si è scop…o mia sorella”), di più o meno accettabile, con quella di capire.

Sono coinvolte fra l’altro due reti neurali completamente diverse. Quella enterica e quella cognitiva. E il capire necessita di una spiegazione all’interno di un modello di causa effetto, che la maggior parte delle volte semplicemente non esiste.

Il buon Haruki, Murakami per chi non lo conosce, la tocca piano: “Se non riesci a capirlo senza una spiegazione, non puoi capirlo con una spiegazione”. Che ricorda molto un koan, un’affermazione paradossale o un raccontino zen, usato per aiutare la meditazione e quindi risvegliare una profonda consapevolezza.

Comunque coloro che capiscono solo ciò che può essere spiegato, capiscono molto poco, dice il saggio.

Mi sono anche reso conto che molte volte le persone non ti capiscono perché sono troppo impegnate a giudicarti. E che in fondo non capiscono nemmeno se stesse… Forse anche lì perché sono sempre intente a giudicarsi…

Buon sabato. Noi si fa stranamente un webinar oggi pomeriggio…

relaxandenjoy 😄

Photo by Toimetaja tõlkebüroo on Unsplash

No Comments

Post A Comment